TIROCINIO II^ ANNO

Crediti: 
24
Settore scientifico disciplinare: 
SCIENZE TECNICHE MEDICHE APPLICATE (MED/50)
Anno accademico di offerta: 
2017/2018
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano

Obiettivi formativi

L’insegnamento si pone l’obiettivo di condurre ulteriormente lo studente nella realtà lavorativa permettendogli di applicare le nozioni apprese per quanto riguarda la diagnostica tradizionale in regime d’urgenza, pediatrico, mammografico e in TC.

Il percorso di tirocinio proposto segue nella valutazione delle competenze acquisite i criteri proposti dai Descrittori di Dublino (1°,2°,3°).

Contenuti dell'insegnamento

Al termine lo studente dovrà:
- Saper applicare i protocolli diagnostici della radiologia convenzionale in situazioni di emergenza, pediatrica e senologica
- Sapersi muovere in un comparto operatorio
- Saper utilizzare un’apparecchiatura TC per eseguire le principali procedure diagnostiche
- Saper valutare la qualità tecnica di un esame TC
- Conoscere i principali protocolli di indagine PET
- Saper applicare i principi della Radioprotezione in Medicina Nucleare
- Saper gestire il paziente durante le procedure di Radiodiagnostica tradizionale e TC, per quanto di competenza.
- Saper interagire correttamente sia con l’equipe lavorativa sia con il paziente.

Il percorso di tirocinio è in accordo, per i risultati attesi, con i criteri dati dai descrittori di Dublino.

Programma esteso

- Applicazione e adattamento dei protocolli di diagnostica convenzionale in situazioni d’urgenza, pediatrica, senologica e in comparto operatorio
- Gestione del paziente durante gli esami di TC
- Gestione della sala di TC
- Applicazione dei protocolli diagnostici in TC

(descrittori di Dublino 1°,2°,3°,4°).
L'attività pratica fa inoltre riferimento alle Clinical Competence dello specifico profilo professionale.

Bibliografia

- Appunti/slide
­- Libretto di tirocinio, compilato dallo studente durante il periodo di tirocinio stesso, come manuale pratico
­- Libro di testo: “Anatomia radiologica” di Fleckenstein P, Tranum-Jensen J.
­- Jewett EL. One-piece angle nail for trochanteric fractures. J Bone J Surg, 1991;23:803-10
­- Smith-Petersen MN, Cave EF, Van-Gorder GW. Intracapsular fractures of the neck of the femur-treatment by internal fixation. Arch Surg 1931;23:715-59.
­- Laboratorio di Fisica Medica, Dipartimento di Fisica, UNICAL, Rende, Italia
­- Libro di testo: “ANATOMIA RADIOLOGICA, tecniche e metodologie in radiodiagnostica” di Ferdinando Mazzuccato
­- Libro di testo: “Atlante di tecnica radiologica generale e dello scheletro” di A. Trenta, A. Corinaldesi, P. Sassi, C. Pecunia
­- Libro di testo. “ Le proiezioni radiografiche dell’apparato muscoloscheletrico” di U. Albissini, M. Battaglia
­- “Ruolo del TSRM in un comparto operatorio ortopedico”, lavoro di tesi del Dott. TSRM Giuseppe Forciniti, presso l’Università degli studi di Parma
­- “La radiologia domiciliare”, lavoro di tesi del Dott. TSRM Bruno Lorefice, presso l’Università degli Studi di Parma
­- Sito web https://www.imagegently.it
­- Libro di testo: “Clinical Applications of Cardiac CT”. Editors: Cademartiri, Casolo, Midiri. Publisher: Springer. ISBN: 978-88-470-2521-9.

Metodi didattici

Periodi di tirocinio presso servizi che includono le seguenti specialità: radiodiagnostica tradizionale, comparto operatorio e TC.

Gli studenti saranno seguiti da un Tutore Clinico per ogni sede di tirocinio.

Modalità verifica apprendimento

L'esame potrà essere costituito da 2 prove pratiche:
­- una prova simulativa, in sala radiologica, di Radiologia Tradizionale in cui lo studente dovrà dimostrare di saper eseguire i protocolli di indagine in situazioni standard e di urgenza
­- una prova simulativa di Tomografia Computerizzata in cui dovrà dimostrare di conoscere le linee guida per i principali protocolli diagnostici, saper preparare ed utilizzare una sala TC, saper riconoscere le varie fasi di un esame e valutare la correttezza delle immagini prodotte.

e domande di teoria inerenti l’applicazione sul campo.

L'esame tiene conto nella valutazione delle abilità acquisite, del 2°,3°,4°descrittore di Dublino.